Precendente:

Ardenno, Gaggio

Da Ardenno a Gaggio: è il sentiero delle antiche contrade

Lotto4_774x1103TR.indd

Superato il dosso del conoide verso est, si entra nel paese di Ardenno (266 m.). Sede di antica pieve, la chiesa di San Lorenzo, risalente nelle strutture attuali almeno al XV secolo ma più volte ristrutturata, all’interno vanta segni dell’illustre passato. Primo fra tutti l’ancona lignea del 1540, intagliata dal pavese Giovanni Angelo del Maino ed indorata da Battista da Legnano, abitante a Varese, e da suo cognato. Lasciata la chiesa alla nostra destra, si sale verso le frazioni retiche orientali di Ardenno, lungo percorsi escursionistici ben segnalati. Superato il bivio per la contrada agricola di Morano, si attraversano le località di Calgheròli (dove le famiglie migrate dalla montagna portarono il proprio mestiere di carbonai e di produttori di calce: da qui il toponimo), Cavallari, San Lucio, Fascendini (dal soprannome di alcuni abitanti del posto), Motta, Ere. Si giunge infine a Gaggio (m 570), l’abitato più importante, dove nacque, il 18 febbraio 1686, Pietro Ligari, il più celebre dei pittori valtellinesi. L’attuale chiesa settecentesca, dedicata alla Madonna del Buon Consiglio, accoglie all’ingresso del paese. Costruita con il lascito della famiglia Scigolini emigrata a Roma, al suo interno conserva 14 tele del secolo XVIII raffiguranti ciascuna una stazione della Via Crucis, ed una pala d’altare coeva con la Madonna ed i santi Pietro e Paolo, dono degli emigrati. La parte più antica del piccolo agglomerato era detta, in origine, “Arsizio”. Le case, in gran parte, Superato il dosso del conoide verso est, si entra nel paese di Ardenno (266 m.). Sede di antica pieve, la chiesa di San Lorenzo, risalente nelle strutture attuali almeno al XV secolo ma più volte ristrutturata, all’interno vanta segni dell’illustre passato. Primo fra tutti l’ancona lignea del 1540, intagliata dal pavese Giovanni Angelo del Maino ed indorata da Battista da Legnano, abitante a Varese, e da suo cognato. Lasciata la chiesa alla nostra destraconservano caratteristiche di architettura rurale.

Lotto4_774x1103TR.indd

Lotto4_774x1103TR.indd

Scarica il dettaglio in PDF – Fronte cartello

Scarica il dettaglio in PDF – Retro cartello