Successivo:

Tirano, Poschiavino

Segni della fede alla confluenza dei fiumi

Lotto1_774x1103TR.indd

La profonda valle solcata dal Poschiavino si apre, qui, in prossimità della confluenza del torrente nell’Adda. Sull’alto bastione che si eleva a strapiombo a nord, si profila la chiesetta di Santa Perpetua, affiancata da un pugno di case che ricordano gli antichi passaggi da e per la vicina Svizzera, attraverso San Romedio e poi il Bernina.  Sulla sinistra del torrente si apre il piazzale del Santuario della Madonna di Tirano, sede di antiche fiere di merci. Qui, nel lontano 1504, apparve all’umile Mario degli Omodei la Vergine che, offrendo la sua materna protezione al “beato”, la estendeva contemporaneamente a tutti i pellegrini che, ancora numerosissimi, accorrono da ogni luogo. Il Museo etnografico, che affaccia sul sagrato, raccoglie e custodisce i segni della cultura locale, affidando ai visitatori e ai posteri un patrimonio di conoscenze cui attingere per riscoprire le radici contadine della valle. Il superbo paramento liturgico donato dal Richelieu nel 1636 al Santuario rammenta il ruolo internazionale giocato da Tirano, forte della sua posizione strategica. All’antico lento procedere di quanti, valicato il passo dell’Aprica si inerpicavano sino al Bernina, si sono oggi sostituiti la comoda carrozzabile e il pittoresco trenino rosso, patrimonio dell’Unesco.

Lotto1_774x1103TR.indd

Lotto1_774x1103TR.indd

 

Scarica il dettaglio in PDF -Fronte cartello

Scarica il dettaglio in PDF – Retro cartello